I Pugilatori di Testori

 

Mostra temporanea del Testori a Bergamo

Durante il mese di maggio una speciale occasione per conoscere l’arte bergamasca: la possibilità di osservare i dipinti di Giovanni Testori del ciclo “I pugilatori”: atleti in attività, una chiara metafora del riscatto dalla miseria. La mostra organizzata dal Credito Bergamasco è intitolata «I pugilatori» apre al pubblico sabato 11 maggio, e resta in esposizione fino alla fine del mese, l’ingresso è libero.
I soggetto dei dipinti, che verranno disposti simbolicamente all’interno della ricostruzione di un ring propongono diverse figure di atleti che vengono delineati attraverso un uso materico strabordante. È così che Testori ha affermato nel corso degli anni Settanta il suo amore per lo sport e in particolare per il pugilato, spesso teatro del riscatto dalla miseria, del trionfo degli ultimi, della rivincita sulla vita.
La pittura è solo una delle arti con cui Testori si è cimentato, è anche conosciuto come scrittore, poeta, drammaturgo, critico e storico dell’arte. Suo era il «Ponte della Ghisolfa» cui Luchino Visconti si ispirò per girare il film «Rocco e i suoi fratelli». Il ciclo dei Pugilatori viene presentato al pubblico bergamasco insieme a fotografie, libri e documenti originali. La mostra è visitabile negli orari di apertura della filiale di largo Porta Nuova, per chi lo desidera c’è la possibilità di visite guidate.
Bergamo è spesso al centro di eventi itineranti che ospitano in sedi minori opere di grande importanza. L’ideale per prendere pieno possesso di questo processo in divenire è pernottare nel capoluogo bergamasco, magari in un accogliente bed and breakfast e poi passeggiare liberamente per la città facendosi catturare da una delle tante iniziative proposte nei nostri information point.

Per informazioni:
Fondazione Creberg
Orari:
Lun-ven orari apertura filiale; sab 14,30/20,30; dom 10,30/19,30; Credito Bergamasco; Largo Porta Nuova; Dall’11 al 31 maggio.

bergamo sottosopra pugili

Opera del Testori

Have your say